BRESCIA – Brescia, ruba targhe di auto e chiede soldi ai titolari. Arrestato 35enne moldavo

0

Un moldavo di 35 anni, clandestino e già espulso dall’Italia, è stato arrestato dalla Squadra mobile di Brescia per furto di targhe ed estorsione verso i proprietari. La tecnica era sempre la stessa. Di notte raggiungeva le auto intestate a stranieri e parcheggiate in città, soprattutto in via Veneto, Corsica e a Fiumicello e staccava i marchi identificativi. Poi metteva un foglio sul parabrezza delle vetture colpite con i contatti per mandare i soldi, da 100 a 300 euro, per riavere indietro la targa.

Minacciando di vendicarsi se lo avessero denunciato. L’inchiesta era partita alcune settimane fa quando una decina di stranieri residente regolarmente a Brescia avevano denunciato il furto delle targhe sui loro veicoli immatricolati all’estero. Molti, per le difficoltà di avere un duplicato da oltre i confini nazionali, hanno accettato di pagare e si sono visti restituire il maltolto. Così, chi chiamava il numero indicato sul foglio sentiva una voce dell’Est Europa che gli dava indicazioni. Bastava versare la somma su un conto tramite agenzia di money transfer intestato a un complice in Moldavia.

Quando il pagamento risultava fatto, la vittima veniva informata di dove avrebbe trovato la targa. Una parte della somma finiva in Italia a un altro complice del 35enne. L’uomo sapeva essere molto convincente, visto che ai titolari delle auto diceva che li avrebbe raggiunti con altri amici se fosse stato fermato dalla polizia. Il moldavo è stato fermato dagli agenti della Sezione Antirapina della Squadra Mobile in via Tirandi. Nella sua borsa hanno è stato trovato il telefono dove riceveva le chiamate per estorsione, i biglietti, cacciaviti e chiavi inglesi per smontare le targhe, le ricevute dei pagamenti e una piccola agenda dove riportava le targhe rubate.