BRESCIA – Brescia, cellule staminali per curare gravi malattie. Arrestato Marino Andolina (Stamina)

0

E’ stato arrestato dai carabinieri dei Nas a Brescia, Marino Andolina, il cofondatore di Stamina con Davide Vannoni. Insieme a lui sono finiti in manette altri quattro medici lombardi. Sono tutti accusati di somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica. Ma Stamina non c’entra nulla, anche se l’inchiesta riguarda una vicenda praticamente identica.

Andolina era già stato processato a Torino per la somministrazione di cellule staminali per la quale aveva patteggiato un anno e nove mesi con pena sospesa. Nello stesso procedimento, anche Vannoni aveva ottenuto lo stesso beneficio. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Brescia ha disposto oggi l’ordinanza di custodia cautelare verso Andolina, su richiesta della procura locale, perché farebbe parte di un gruppo di alcuni medici accusati di aver proposto e somministrato, facendosi pagare, una terapia per curare gravi patologie neuro degenerative.

Nell’operazione sarebbero vittime trenta pazienti, di cui alcuni soffrono di Sla e Leucemia. Secondo l’accusa, i medici attraverso la liposuzione ricavavano dal materiale grasso le cellule staminali per poi eseguire i trattamenti in uno studio medico di Brescia. L’inchiesta coinvolge anche le province di Trieste e Milano.