BRESCIA – 11 indagati Forza Nuova, partito: “Accuse assurde”. 25 giugno all’hotel Milano

0

Forza Nuova, dopo gli 11 militanti iscritti nel registro degli indagati da parte della Procura di Brescia per gli scontri del 28 marzo scorso a Brescia, ha annunciato un presidio contro gli immigrati ospitati all’hotel Milano di via Vallecamonica. “Sono stati indagati e attendono la citazione in giudizio per accuse assurde – si legge in una nota del partito – quali resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. Gli 11 fascicoli aperti riguardano alcuni militanti e organizzatori del presidio, inizialmente previsto con largo anticipo in piazza Mercato, poi degenerato nelle due cariche immotivate della polizia in corso Cavallotti a causa della mala gestione della questura nei frangenti ‘caldi’ della giornata.

La giustizia italiana, a cui non diamo da tempo credibilità, dimostra per l’ennesima volta di adottare due pesi e due misure: reprimendo i cittadini che intendono manifestare senza arrecare alcun danno alla città, ma autorizzando e legittimando la presenza vandalica dei centri sociali, o lasciando impunita l’escalation di violenze compiute quotidianamente dagli immigrati (che, ricordiamo, compongono quasi l’80% della popolazione carceraria bresciana). Mentre la Marina italiana, anziché difendere le frontiere nazionali – continua la nota – lavora per renderle un colabrodo, mentre politica, Chiesa e cooperative si arricchiscono sotto banco con il business dell’immigrazione da Roma a Brescia, la Procura è stata solerte ed efficientissima nel reprimere la manifestazione di trecento bresciani che lo scorso 28 marzo sono scesi in piazza per la propria città.

Addirittura a un trentenne di Lumezzane è stato dato un foglio di via per il possesso di un’asta di bandiera in plastica, per cui non potrà più entrare in città nei prossimi tre anni: tutto questo è assurdo e dimostra che gli italiani sono realmente cittadini di serie B, quando invece il reato di clandestinità è stato abolito e decine di migliaia di immigrati irregolari si fanno beffa delle scartoffie della questura. La nostra risposta alla repressione delle istituzioni è un presidio per giovedì 25 giugno alle 21 davanti all’Hotel Milano di via Valle Camonica, a cui parteciperanno famiglie e persone italiane che Forza Nuova sta aiutando tramite l’associazione Solidarietà Nazionale e che, in quanto cittadini italiani, chiederanno di essere aiutati prima dei cosiddetti ‘profughi’ che in quell’hotel bivaccano da più di tre anni a spese dei contribuenti”.