FRANCIACORTA – Sostanza “cancerogena” nei campi, associazioni: è da bandire, crea tumori

0

Gli ambientalisti sono sul piede di guerra a Erbusco per la scelta del Comune di spruzzare pesticidi che conterrebbero sostanze cancerogene. Il caso è riportato dal GiornalediBrescia.it che cita come nel prodotto usato in Franciacorta, il Roundup, sia presente il glisofato che l’Agenzia Internazionale per la ricerca contro il cancro inserisce tra quelli potenzialmente a rischio.

In pratica, ci potrebbero essere dei legami tra l’insorgenza di tumori e l’uso della sostanza. Per questo motivo le associazioni a favore dell’ambiente chiedono da anni di eliminare dal mercato il prodotto, mentre il Comune si dice tranquillo nell’uso non tossico. Il problema è che il glisofato è uno degli erbicidi più famosi e il suo uso è aumentato in modo esponenziale negli ultimi anni, tanto che la società produttrice si scaglia contro il rapporto sanitario chiedendo all’Oms di ritirarlo.

Il prodotto viene usato senza problemi in Italia, mentre altri Paesi lo vogliono mettere al bando. Nel mirino degli ambientalisti sono finite anche tre cantine dove i produttori userebbero il glisofato. Tanto che sono stati segnalati alcuni episodi alla polizia locale e al Comune. Ma tutti si dicono tranquilli e di usarlo in modo controllato.