BRESCIA – Truffano anziani con rilevatori di gas, dieci in manette in tutta Italia

0

Venditori di rilevatori di gas che piazzavano gli strumenti ai clienti anziani dicendo loro che fosse obbligatorio per legge, altrimenti avrebbero dovuto pagare delle multe. Sono finiti così in manette per truffa aggravata in concorso nell’ambito di un’indagine condotta dalla procura di Firenze e portata a segno dalla Polizia di Stato, dieci persone, di cui il rappresentante e l’amministratore unico di una famosa società milanese che vendeva gli oggetti e altri otto, tutti tra i 20 e 40 anni, albanesi, macedoni e italiani.

I fatti risalgono alla fine del gennaio scorso quando decine di persone residenti a Modena, Lecco, Roma, Ostia e Firenze, convinte dai venditori e intimorite dalle sanzioni, hanno acquistato gli strumenti. I truffatori si presentavano nelle case dei clienti con tanto di pettorina e borsa e spesso gli anziani pagavano in contanti o, se non avevano disponibilità, attraverso il bancomat. E ci sono stati casi in cui l’operazione sarebbe stata compiuta dal venditore di turno selezionando un importo più alto rispetto a quanto si doveva sborsare.

L’attività investigativa è stata condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Firenze portando a dodici decreti di perquisizione nelle province di Milano, Brescia e Verona. Sono indagati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe.