BRESCIA – Martinengo, la mostra “Cibo nell’arte” si arricchisce di una nuova opera

0

Continua il grande successo di pubblico alla mostra “Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol”, in programma fino al 14 giugno a Palazzo Martinengo di Brescia.

A tutt’oggi, sono state oltre 35.000 le persone che hanno ammirato le oltre 100 opere di maestri dell’arte antica, moderna e contemporanea che si sono confrontati nel corso dei secoli sulla tematica che lega il cibo nell’arte figurativa. Ottimo il riscontro da parte delle scuole: l’esposizione è stata infatti visitata ad oggi da oltre 17.000 studenti.

E da venerdì 29 maggio, il percorso allestito all’interno della cinquecentesca residenza nel cuore del centro storico di Brescia si arricchisce di una nuova opera; si tratta della scultura in ceramica “Peccato originale”, realizzata appositamente per la rassegna da Bertozzi & Casoni.

I due artisti presenteranno al pubblico e alla stampa il nuovo lavoro, venerdì 29 maggio alle ore 15.00, a Palazzo Martinengo.

Peccato originale è una esplicita citazione della Canestra di frutta di Caravaggio, sulla quale si è posata una scimmia di razza Saimiri che porta in una mano un Taglio di Lucio Fontana, icona della modernità artistica, e che guarda, con interrogativo distacco, l’osservatore dell’opera.

Il cibo nell’arte è promossa dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, con il patrocinio della Provincia di Brescia, Comune di Brescia, Regione Lombardia e di EXPO 2015, e curata da Davide Dotti coadiuvato da un comitato scientifico internazionale.