BERZO DEMO – Pratiche sessuali per entrare in casa famiglia, figli dei gestori alla sbarra

0

Oggi al tribunale di Brescia sono state sentite otto ex ospiti di una casa famiglia per minori a Berzo Demo, in Valcamonica, nell’ambito di un processo che vede accusati di pratiche sessuali due trentenni, figli dei titolari. Il procedimento è nato dopo che una ragazza di 11 anni ha raccontato alla madre quello che le facevano in quella struttura.

Così la donna ha sporto denuncia ai carabinieri che hanno indagato sui fatti e trasmesso gli atti alla procura della Repubblica di Brescia. Per l’accusa le violenze si sarebbero svolte dal 2004 al 2013. Una delle ragazze, come riporta Il Giorno, ha raccontato del primo giorno nella comunità nel 2004 quando, dopo cena, uno dei due accusati l’avrebbe chiamata in cantina con una scusa e lì l’avrebbe palpeggiata, anche entrando nel letto della giovane.

Si parlerebbe anche di rapporti sessuali e la ragazza si è costituita parte civile con un’altra. La stessa giovane ha detto al giudice in processo, poi aggiornato al 28 ottobre, che aveva parlato di quelle presunte pratiche ai gestori, ma avrebbero castigato le ospiti di all’ora lasciandole senza cena o portandole in cantina.