BRESCIA – Manifactura 4.0, le imprese manifatturiere sono oltre 16mila

0

Lombardia prima regione manifatturiera d’Italia con 115.028 imprese del settore. Brescia è la provincia, seconda solo a Milano, con 16.264 imprese del settore, delle quali il 61,6% sono artigiane e 145.201 addetti dei quali il 27,7% è artigiano. I makers sono in grande prevalenza di piccola taglia, infatti il 96,4% che operano nel manifatturiero bresciano hanno meno di 50 addetti. Ma il lavoro artigiano sta cambiando ed evolverà sempre più velocemente: nella cornice dell’Italian Makers Village di via Tortona 32 a Milano, Confartigianato, Regione Lombardia e CNR si sono confrontati sul futuro del manifatturiero, nel corso dell’incontro “Manifactura 4.0”.

Per il presidente di Confartigianato Imprese Unione di Brescia e Lombardia Eugenio Massetti: «Lombardia e Brescia, in primis, è terra dei makers. I dati ne confermano la sua valenza sull’intero comparto manifatturiero. La stampa 3D, la forma più rappresentata di manifattura digitale, è solo una delle tecnologie che stanno cambiando il mondo della manifattura. Sempre più spesso si affacciano sul mercato soluzioni di grande impatto e di costo sempre più accessibile. Tecnologie che incontrano nuovi materiali e interpreti visionari, in grado di trasformarle in valore, oggi a portata esclusiva delle imprese artigiane. È perciò necessario realizzare un percorso virtuoso che consideri il saper fare tradizionale che è patrimonio dell’artigianato, accanto ad una spiccata attenzione per l’innovazione».

Proprio in questo spirito nasce Manifattura Diffusa 4.0, il Progetto di Legge di Regione Lombardia a sostegno del valore artigiano: «L’integrazione tra lavoro, ricerca e innovazione è una leva strategica per la crescita dell’intero territorio – ha dichiarato l’Assessore alle Attività Produttive, Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia Mario Melazzini – che va sostenuta in modo concreto con provvedimenti mirati come questo. Vogliamo fornire alle nostre imprese strumenti innovativi finalizzati a incrementarne la capacità competitiva. L’artigiano, infatti, può essere e deve diventare un forte catalizzatore dell’innovazione».

Alberto Silvani del CNR ha presentato tre tecnologie per la nuova manifattura, riguardanti la protezione dei prodotti, nuovi materiali per il tessile e nuove soluzioni per l’edilizia: «Il CNR intende essere un partner di Confartigianato in grado di sostenere e supportare la ricerca nelle imprese artigiane».