LUMEZZANE – Beccato a rubare cavi di rame in una ditta dismessa, arrestato e condannato

0

Un 36enne residente a Lumezzane è stato condannato martedì mattina, dopo aver patteggiato, a un anno di carcere con pena sospesa per furto di rame. L’uomo è stato beccato nella notte tra lunedì e martedì in una ditta dismessa di via Madonnina a rubare cavi di rame tagliandoli dall’impianto elettrico e che poi gettava dalla finestra nel cortile dell’azienda.

A scoprirlo sono stati i carabinieri locali che durante un normale servizio di controllo contro i furti nelle case e nelle aziende, anche quelle vuote, sono stati insospettiti da una luce accesa nella ditta. Qui hanno notato l’uomo mentre tagliava i fili di rame raggiungendo almeno 220 chili, circa 1.000 euro.

Il bandito è stato così arrestato per furto aggravato e portato alla caserma di Gardone, mentre martedì c’è stata la condanna, con pena sospesa, al tribunale di Brescia, prima di tornare a casa. I carabinieri valgobbini con il Nucleo Radiomobile di Gardone vogliono però verificare chi avesse chiesto quella quantità di rame. Per questo controlleranno il traffico telefonico dell’arrestato nelle ore precedenti al furto.