CONCESIO – Da vecchia filanda a case popolari “eco” con parco giochi. 42 alloggi di Aler

0

“Un recupero importante se si pensa che nel ‘700 era una filanda dove si lavorava la seta, poi, dagli anni ’40 fino al 1985 è stata una conceria, ora in cinque corpi di fabbrica sono stati ricavati 42 alloggi Aler che molto presto saranno assegnati. Un opera che, mantenendo intatte le linee architettoniche originali, rappresenta un esempio di archeologia industriale che convive con le moderne esigenze abitative”. Così Stefano Retali, sindaco di Concesio, all’inaugurazione dei 42 alloggi realizzati nell’ex opificio industriale di via Sorlini a San Vigilio.

“Un edificio che sarebbe rimasto in una situazione di degrado è stato sottoposto a un’importante opera di restauro, vincolato dalla Soprintendenza, rispettando tutti i dettami che portano l’immobile in classe energetica CENED+ B con EP per garantire un’adeguata coibentazione”. Ettore Isacchini, presidente di Aler, nell’illustrare le caratteristiche degli alloggi ha ricordato l’importante impegno economico sostenuto pari a 7 milioni di euro, dei quali oltre 3 milioni finanziati dalla Regione.

L’inaugurazione ha visto la benedizione del parroco don Domenico Castelli, quindi il taglio del nastro a più mani con la vedova Gavazzoli, ex proprietaria della conceria, il vice sindaco Domenica Troncatti e i giovani del consiglio comunale dei ragazzi. Dal punto di vista tecnico, i cinque corpi di fabbrica prevedono vari alloggi. Nel primo ci sono tredici alloggi di cui 9 bilocali da 84-60 metri quadrati, 3 trilocali da 84-74 metri quadri e un quadrilocale da 86 metri quadri distribuiti su due piani. Nel secondo corpo ci sono 6 bilocali da 40-43 metri quadri distribuiti su tre piani, nel terzo 6 trilocali da 68-73 metri quadri distribuiti su tre piani.

Nel quarto ci sono 9 alloggi di cui otto bilocali da 37-51 metri quadri e un trilocale da 66 distribuiti su due piani serviti da ascensore, che serve anche i due piani interrati dove sono collocati 39 posti auto coperti. Nell’ultimo spazio ci sono otto bilocali da 49-51 metri quadrati distribuiti su due piani. Il fabbricato è dotato di un impianto di riscaldamento centralizzato a bassa temperatura con caldaia a condensazione da 110 kW e un sistema di emissione a pannelli radianti a pavimento.

Trattandosi di una ristrutturazione di immobile vincolato dalla Soprintendenza, per poter garantire una adeguata coibentazione è stata realizzata una controparete interna in cartongesso con isolante termico. La soluzione ha garantito una buona coibentazione tale da portare l’immobile in Classe Energetica CENED + B con EPH pari a 48,98 kWh al metro quadro l’anno. E’ inoltre stato realizzato nella corte compresa tra i corpi D e E un piccolo parco giochi a disposizione degli inquilini e che in seguito diventerà l’estensione del parco urbano limitrofo previsto dal Comune e che permetterà il collegamento con la via Sorlini.