SALO’ – Furti in vivaio e supermercati, alcol alla guida e parcheggiatori abusivi. I controlli dell’1 maggio

0

Con i controlli più intensi nella festa dell’1 maggio organizzati dal comando provinciale dei carabinieri di Brescia, la Compagnia di Salò ha messo in campo più di 40 militari su tutto il territorio. Sul lago, infatti, ci sono numerosi turisti ma anche malviventi dediti a reati predatori o sulla droga sui quali i militari si sono concentrati. Due nomadi pluripregiudicate classe 1976 e 1978, originarie del Veneto, sono state denunciate a piede libero per furto ai danni di un vivaio di Salò.

Le due, approfittando di un momento di distrazione della titolare dell’esercizio, con destrezza sono riuscite a impossessarsi del denaro in cassa, circa 10 mila euro (diecimila), per poi scappare su una Fiat Punto bianca di vecchio modello. L’analisi dei fotogrammi estrapolati dal sistema di video sorveglianza, incrociati con alcune foto segnaletiche presenti nella banca dati ha consentito di identificare le malviventi e denunciarle.

In un altro caso una donna di origini francesi è stata sorpresa dai militari di Manerba del Garda mentre si allontanava dal supermercato “Penny Market” di Puegnago dopo aver rubato diversi generi alimentari e altra merce per un valore di circa 70 euro. La merce è stata restituita e la donna denunciata a piede libero per furto aggravato. Altri due giovani di Villanuova sul Clisi di classe 1981 e 1982, con precedenti contro il patrimonio, sono stati denunciati per furto aggravato dai militari di Gavardo.

Gli agenti, dopo varie indagini, hanno accertato che i due si erano resi responsabili di furto aggravato di materiale ferroso e attrezzatura agricola ai danni di un azienda agricola di Limone di Gavardo. La merce è stata recuperata e restituita al proprietario. Poi un albanese classe 1982, pluripregiudicato e senza fissa dimora, a distanza di due anni è stato identificato e denunciato dai militari di Vestone. L’uomo il 2 aprile 2013 aveva rubato circa 6 mila euro da alcune slot machine in un bar di Mura. L’attività condotta nel corso del sopralluogo ha consentito di acquisire materiale biologico per le indagini.

Le analisi tecnico scientifiche condotte dal Ris di Parma hanno definito il profilo del malvivente, attualmente detenuto nel carcere di Ancona per altri reati. Denunciato per guida in stato di ebbrezza, invece, un salodiano classe 1977 con un tasso alcolico di 2,35 g/l. Gli è stata ritirata la patente e sequestrata l’auto. Serrati controlli anche alla circolazione stradale con un totale di 195 veicoli e 322 persone controllate. Sono state inflitte sanzioni per violazioni al Codice della Strada per 9.472 euro togliendo 125 punti dalle patenti. Infine, sono stati fermati e multati con 1.542 euro due extracomunitari regolari che facevano da parcheggiatori abusivi in due supermercati di Salò.