NAVE – Crisi Stefana, presentato in tribunale il piano di rilancio. 7 maggio Inps decide su cig

0

Ieri mattina il gruppo Stefana di Nave, con altre sedi in provincia di Brescia e che occupa 600 dipendenti, ha presentato alla sezione fallimentare del tribunale di Brescia il piano di rilancio economico e rientro dai debiti verso i debitori come previsto dopo la richiesta di concordato avanzata alla fine del 2014 e accolta dal giudice che aveva dato quattro mesi di tempo.

Nel pomeriggio, invece, si è svolta un’assemblea dei sindacati con i dipendenti in cui è stata data notizia del deposito del piano, ma il segretario della Fiom Francesco Bertoli ha anche annunciato che oggi sarà dal giudice per conoscere nei dettagli il piano.

Il tribunale potrebbe consegnare già oggi il piano di rientro o lo farà entro il 7 maggio quando l’Inps si pronuncerà sulla cassa integrazione per i lavoratori e che, in caso venga confermata, se ci saranno progetti futuri può ricominciare l’attività.

Attività di cui potrebbe entrare in possesso la famiglia Ghidini, già azionista di maggioranza, che secondo alcune voci sarebbe interessata a farsi carico dell’impresa.