BRESCIA – Sfratti, “Diritti per tutti” blocca tre esecuzioni. E annuncia altri presidi in dieci giorni

0

L’associazione “Diritti per Tutti” è intervenuta due volte ieri, martedì e una oggi per fermare altrettanti provvedimenti esecutivi di sfratto ai danni di alcune famiglie. Il primo si è svolto a Lonato del Garda con il Collettivo autonomo gardesano evitando l’espulsione da casa del capo famiglia disoccupato con la moglie e tre figli immigrati.

Il caso è stato rinviato al 24 giugno, mentre l’associazione si è lamentata della presunta scarsa attenzione da pare del Comune sulla vicenda. Un altro episodio si è svolto in via Diaz, nel centro di Brescia, dove i manifestanti hanno impedito che una famiglia pachistana con cinque bambini venisse espulsa di casa. In ogni caso il giudice ha rinviato la notifica dello sfratto al 29 giugno.

Stamattina l’associazione si è presentata invece a San Polo, quartiere a sud di Brescia, per evitare lo sfratto di una famiglia di immigrati. In questo caso il delegato del giudice tornerà il 9 luglio. Dal 20 al 30 aprile sono previsti altri provvedimenti e il sodalizio ha annunciato di voler intervenire per fermarli.