BERLINGO – Discarica Macogna, Tar blocca tutto e vuole altre indagini sulle falde

0

Prima vittoria per i residenti, Legambiente e membri del comitato contro la discarica Macogna prevista tra la bassa bresciana e Franciacorta.

Dopo l’udienza del 22 aprile scorso al Tar di Brescia chiamato a decidere sui ricorsi presentati dai Comuni di Berlingo, Cazzago San Martino, Rovato e Travagliato contro l’autorizzazione della provincia di Brescia a scaricare nella zona 1 milione e 350 mila metri cubi di rifiuti inerti della Drr di San Polo, lo stesso tribunale amministrativo aveva rinviato la sentenza, ma intanto ha ordinato di fermare la discarica.

Prima, infatti, ha disposto di fare ulteriori indagini tecniche sulle falde acquifere che secondo una relazione dell’Asl di Brescia, rifornendo venti pozzi privati, potrebbero essere contaminati dai rifiuti. Quindi per almeno due mesi non potranno arrivare camion sulla zona a scaricare rifiuti.

Il presidente del collegio del Tar Angelo De Zotti con il relatore Francesco Gambato Spisani hanno incaricato come consulente tecnico d’ufficio Laura Longoni del Politecnico di Milano per fare tutte le indagini del caso.