BERLINGO – Discarica Macogna, Tar rinvia il verdetto. Provincia e azienda: “Progetto sicuro”

0

Ieri si attendeva la sentenza del Tar di Brescia sull’accoglimento o meno del ricorso presentato dai Comuni di Cazzago San Martino, Berlingo, Travagliato e Rovato contro l’autorizzazione della provincia di Brescia a trasformare l’area della Macogna, nella bassa bresciana e Franciacorta, in una discarica per i rifiuti inerti della ditta Drr di San Polo.

L’udienza c’è stata, ma per la sentenza bisognerà aspettare circa un mese. Davanti ai giudici amministrativi l’azienda bresciana si è difesa parlando di una discarica sicura e che ospiterà solo rifiuti inerti, contrastando l’analisi dell’Asl che parla di diciotto pozzi d’acqua non collegati alle falde e a rischio inquinamento.

Dall’altra parte l’avvocatura della provincia chiamata a difendere l’autorizzazione concessa dal Broletto ha parlato di parametri rispettati. Tra chi si oppone, Legambiente definisce insufficiente la consulenza tecnica sui rischi per l’ambiente, mentre va avanti il presidio dei cittadini contro lo scarico dei rifiuti. Sul tema si erano anche pronunciati gli studenti e il consiglio comunale dei ragazzi che preferiscono un parco alla discarica.