CEVO – Croce di Job, area non più sequestrata. Comune vuole concorso di idee per rilanciarla

0

Sono stati tolti i sigilli all’area dove si trova la Croce di Job, dedicata al Santo Giovanni Paolo II, a Cevo in Valcamonica, teatro il 24 aprile dell’anno scorso della caduta che uccise Marco Gusmini, 21enne di Lovere sul posto per una gita parrocchiale con altri ragazzi.

Il provvedimento di dissequestro della zona, dopo tutte le indagini del caso che avevano portato a verificare come la struttura fosse compromessa e danneggiata dalle infiltrazioni, era atteso dal Comune e dal sindaco Silvio Citroni.

Primo cittadino che figura tra i tredici indagati dalla Procura della Repubblica di Brescia per la scarsa manutenzione della Croce. Ora si potrebbe aprire un concorso di idee per dare un nuovo volto al pezzo di croce rimasta e alla cripta.