TREMOSINE – Cene private e regali al console con i soldi pubblici, chiesti tre anni per Ardigò

0

Tre anni di carcere per peculato. E’ la richiesta formulata dal pubblico ministero di Brescia Leonardo Lesti verso l’ex sindaco di Tremosine Diego Ardigò perché avrebbe usato i soldi pubblici comunali per pranzi privati e regalare al console tedesco Juergen Bubendei le formagelle del paese e vari prodotti tipici per un valore totale di 3 mila euro.

Ieri si è svolta un’altra udienza nella quale l’avvocato dell’ex primo cittadino ha presentato una memoria difensiva dicendo che tra l’autunno del 2009 e l’estate del 2010 la Corte dei Conti non aveva ancora definito quali fossero le “spese di rappresentanza” e che i pagamenti fatti da Ardigò, allora responsabile del servizio di segreteria, non erano legati a una delibera del consiglio comunale. La sentenza del giudice Vittorio Masia sarà pronunciata il 23 aprile.