CASTEGNATO – Mercatone Uno, finanza controllata da tre commissari aspettando l’offerta di acquisto

0

“Il Gruppo Mercatone Uno è stato ammesso alla procedura di amministrazione straordinaria. Il decreto firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi prevede altresì la nomina dell’organo commissariale. Sono stati nominati commissari straordinari Vincenzo Tassinari, Ermanno Sgaravato e Stefano Coen”. E’ la breve nota pubblicata sul sito internet del Ministero e che fa emergere degli spiragli nella vicenda del complesso commerciale con una sede anche a Castegnato, in provincia di Brescia.

Per quanto riguarda proprio il negozio bresciano, dal 21 marzo scorso quando è giunta la notizia della chiusura del complesso prevista dal prossimo 27 aprile, i trentadue lavoratori hanno sospeso ogni attività con presidi e forme di protesta contro l’azienda. Dall’altra parte, però, entro aprile dovrebbe arrivare un’offerta da parte di un investitore interessato a rilevare il gruppo.

Dal punto di vista giudiziario, sono in amministrazione straordinaria le M. Business, M. Estatate, Mercatone Uno Services, Mercatone Uno Logistics, Mercatone Uno Trading e Mercatone Uno Finance. “E’ una naturale prosecuzione del percorso aperto con il concordato prenotativo autorizzato dal Tribunale di Bologna – si legge in una nota dell’azienda – il cui presupposto fondamentale era la ricerca di un investitore che potesse dare continuità a un marchio storico italiano, ‘Mercatone Uno’, in un orizzonte temporale stimato per esigenze di tesoreria fino alla fine di marzo, non avendo il Gruppo fatto ricorso a finanza ponte.

L’investitore che si è proposto, e con il quale vi è un confronto aperto da circa due mesi, ha comunicato che procederà alla presentazione di un’offerta definitiva di acquisto entro la fine del mese di aprile: da qui la necessità di aprire la procedura in oggetto, già previsto in sede di apertura della procedura concordataria nel percorso di riavvio dell’attività”. L’azienda ha anche precisato di avviare la procedura di amministrazione straordinaria “con una liquidità significativa, un piano industriale delineato e una trattativa in corso per la vendita degli asset del Gruppo dopo aver svolto un’attività preliminare e trasparente di ricerca di un investitore.

Sono stati pagati tutti gli stipendi e usati i migliori ammortizzatori sociali a favore dei dipendenti, oltre al rispetto delle consegne verso le aziende”. In pratica, i tre commissari nominati dal Ministero controlleranno le attività di Mercatone Uno aspettando l’offerta definitiva dell’investitore entro aprile.