Scuola Diaz: fu tortura, secondo la Corte Europea

0

La corte Europea per i diritti dell’uomo ha decretato che durante l’irruzione delle forze dell’ordine alla Diaz, al G8 di Genova, si verificarono episodi di “tortura”.

Come se noi fossimo un paese africano governato da feroci dittatori, al cui soldo poliziotti sanguinari pestarono ragazzi inermi e del tutto innocenti, arrivati a Genova per manifestare democraticamente il loro dissenso.

Sappiamo tutti che la realtà non fu questa.

Alcuni poliziotti si macchiarono di comportamenti indegni – questo è innegabile – dopo aver vissuto giorni di grande tensione, ricevendo ordini contraddittori e interpretando gli stessi con grande “discrezionalità”.

Ma come non ricordare gli attacchi a cui furono sottoposti? Come non ricordare il pressapochismo con cui gli alti gradi gestirono la difficile situazione?

Come non ricordare che in Italia – in quei giorni – arrivarono centinaia di black block con la chiara intenzione di mettere a ferro e fuoco la vie delle nostre città?

Ma la cosa che più mi ha indignato è stata la condanna per non avere una legislazione adeguata a punire il reato di tortura.

Lascio a voi lettori i commenti del caso.