MANTOVA – Arte, riaperta la Camera degli Sposi di Mantegna

0

Dopo i danni provocati dal terremoto del 2012, riapre ufficialmente la Camera degli Sposi del castello di San Giorgio, dipinta da Andrea Mantegna.

Il Mantegna affrescò la camera tra il 1465 al 1474, per volontà della famiglia Gonzaga, che voleva celebrare i propri successi, prendendo come occasione la nomina a cardinale di Francesco Gonzaga. Gli affreschi, che occupano tutte le pareti e il soffitto, sono concepiti per utilizzare lo spazio e la struttura architettonica della stanza in maniera illusionistica.

Il torrione nord est del castello, che ospita la Camera picta, è stato messo in sicurezza tramite dei lavori di consolidamento antisismico, che hanno reso possibile la riapertura al pubblico. Inizialmente il numero di visitatori giornalieri sarà ridotto, si parla al massimo di 1.500 persone. Molto contento è parso il Ministro dei Beni Culturali Franceschini, che ha ricordato l’importanza di questo progetto. Il lavoro di restauro, che ha anche interessato alcune crepe negli affreschi, è stato condotto da Giovanna Paolozzi Strozzi, ex soprintendente ai beni storici di Mantova, e ora responsabile del Polo Museale della regione Piemonte.