DESENZANO – Desenzano, è morto il piccolo Federico investito dall’auto del nonno. Lutto tremendo

0

Una famiglia e una comunità, quella di Moniga del Garda, nel lutto per la morte del bambino di due anni che ieri pomeriggio intorno alle 17 è stato investito dall’auto del nonno mentre faceva manovra. Si è spento così nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Desenzano del Garda Federico Laudini poco più di due ore dopo l’incidente in via Marzabotto. Nel pomeriggio i nonni con i fratelli avevano fatto una passeggiata per poi rientrare a casa.

Seduti davanti in auto c’erano il nonno Gianluigi Loda con la moglie e dietro il piccolo Federico con la sorella Margherita di 10 anni e il fratello Filippo di 12 anni. Arrivati a casa in via Marzabotto, scendono tutti dall’auto e resta solo Loda alle prese con una manovra per parcheggiare l’auto, una Bmw X5, nel cortile davanti. Qui scatta la tragedia: il bambino si avvicina al paraurti e viene schiacciato da una ruota anteriore dell’auto mentre il parente forse non lo vede.

I vicini di casa sentono le urla da fuori della madre Barbara anche dei bambini e scattano i soccorsi. Prima lo zio medico e poi due ambulanze con l’automedica e l’elicottero arrivano sul posto e i medici cercano di rianimare il piccolo Federico. Poi lo portano subito all’ospedale di Desenzano dove arriva anche il papà Andrea.

Ma in terapia intensiva ogni tentativo è inutile: il bambino muore poco dopo. Lasciando nello sconforto tutta la Valtenesi dove la famiglia è conosciuta tra il nonno titolare di un’azienda avicola e il padre del piccolo presidente della Polisportiva Vighenzi di calcio.