BERZO DEMO – Rifiuti ex Selca, Regione parte civile al processo. 240 mila euro per bonifica

0

“Insieme alla Provincia di Brescia, Comune di Berzo Demo e Ministero, anche la Regione Lombardia si dichiara parte offesa. Di fatto, l’eventuale accertamento dei fatti contestati agli imputati configurerebbe un danno sia materiale sia morale per l’amministrazione regionale”.

Così l’assessore lombardo all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Claudia Maria Terzi ha annunciato il via libera da parte della giunta alla delibera con cui il Pirellone sarà parte civile nel processo penale contro i vecchi amministratori dell’acciaieria Selca di Berzo Demo in Valcamonica, fallita nel 2010. L’accusa della Procura è traffico internazionale di rifiuti speciali pericolosi (sono 37 mila metri cubi quelli da smaltire per 8 milioni di euro) di cui la prima udienza sarà celebrata il 5 giugno al tribunale di Brescia.

Quella della Regione si prefigura non solo come voler fare parte in causa, ma anche aiuto alla bonifica dopo aver destinato 242.699 euro per mettere in sicurezza la zona. “Dovrebbe bonificare chi ha inquinato, cioè Selca – dice l’assessore – ma essendo fallita se ne dovrebbe occupare il curatore fallimentare che si è appellato al Tar e Consiglio di Stato, istanze entrambe respinte. La situazione giuridica non consente, se la società responsabile non può farlo, che si facciano carico gli enti pubblici”.