PADENGHE – La tutela del territorio prima di tutto

0

Si è concluso nei giorni scorsi, il primo vero studio idrogeologico del territorio di Padenghe, affidato all’ingegner Gian Pietro Avanzi il quale ha prodotto una relazione dettagliata sulla situazione idrologica e idraulica nella località gardesana.

La relazione pone all’evidenza le criticità e, allo stesso tempo, gli interventi da compiersi per portare in sicurezza il drenaggio urbano del comune e i fossi che lo attraversano, in particolare il Vaso Ri.

Il lavoro compiuto è stato assai approfondito: per circa due mesi il territorio è stato infatti visitato e monitorato, sono stati controllati gli scarichi, il letto dei fossi, gli argini e le problematiche di smaltimento delle acque bianche.

“La situazione emersa – spiega il sindaco Patrizia Avanzini – non è preoccupante, ma evidenzia la necessità di porre in essere interventi migliorativi del deflusso idrico, anche in presenza di possibili eventi meteorologici significativi.”

A sintesi delle analisi svolte e delle rilevazioni effettuate, sono state individuate sette priorità, all’interno delle quali spicca per importanza la presenza di un nuovo collettore di scarico a lago lungo via Barbieri, che risolverebbe numerose criticità che, nel corso degli anni, hanno interessato via Vighenzi e Via Taccone.

Altri interventi riguardano l’adeguamento delle tubazioni di trasporto del Vaso Ri, che in alcuni tratti risultano sottodimensionate, l’adeguamento e le riparazioni di altri fossi come Fornaci e Crocelle e un complessivo controllo con intervento sugli scarichi, migliorando così il drenaggio idrico dove ora risulta critico.

“Gli interventi saranno realizzati in annualità differenti, in modo graduale – continua il sindaco Avanzini -. Il più costoso e impegnativo si svolgerà una volta trovata la copertura economica, magari facendo leva su finanziamenti esterni.” Va ricordato infine, al proposito, che un intervento di regimentazione delle acque piovane è stato portato a termine nel 2014 nel parco Vaso Ri, con la realizzazione del vascone di raccolta dell’acqua. La struttura ha superato brillantemente la prima prova di tenuta, durante il nubifragio dell’agosto scorso.”