LUMEZZANE – Expo, visita guidata il 13 giugno. Iscrizioni per una giornata all’esposizione

0

L’assessorato alla Cultura del Comune di Lumezzane, con la Comunità montana della Valtrompia, propone una visita guidata a Expo, a Milano, dedicata a “Nutrire il pianeta, energia per la vita” che sarà aperta dall’1 maggio al 31 ottobre. La visita si terrà sabato 13 giugno con la partenza dal municipio alle 7, mentre alle 18,30 è prevista la partenza da Milano. La quota di partecipazione è di 58 euro da versare entro il 20 aprile e comprende il biglietto d’ingresso con la visita guidata e il trasporto in pullman.

Le iscrizioni sono aperte all’ufficio Cultura e si può chiamare allo 030.8929251. Nei dettagli, Expo Milano sarà il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione. Per sei mesi Milano diventerà una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Sarà la piattaforma di un confronto di idee e soluzioni condivise sul tema dell’alimentazione, stimolerà la creatività dei Paesi e promuoverà le innovazioni per un futuro sostenibile.

Offrirà a tutti la possibilità di conoscere e assaggiare i migliori piatti del mondo e scoprire le eccellenze della tradizione agroalimentare e gastronomica di ogni Paese. Con un’area di 1,1 milioni di metri quadrati, progettata da architetti di fama internazionale, Expo sarà un’esposizione giardino con più di 12 mila alberi, giochi d’acqua e un lungo canale che circonderà l’area. Sui due grandi viali principali, il Cardo e il Decumano, si affacceranno i padiglioni dei Paesi partecipanti, piazze e aree comuni dedicati agli eventi e alla ristorazione.

Le costruzioni seguono criteri di efficienza energetica e sostenibilità nella realizzazione, smontabili e riutilizzabili alla fine dell’evento. Il sito ospiterà quattro aree tematiche, luoghi in cui verrà sviluppato il tema dell’evento. Si va dal Padiglione Zero, che racconta la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il suo rapporto con il cibo, al Future Food District, che spiega come la tecnologia cambierà le modalità di conservazione, distribuzione, acquisto e consumo di cibo. Ci sono poi il Children Park, lo spazio in cui bambini imparano a conoscere i temi di Expo divertendosi e il Parco della Biodiversità, un grande giardino in cui viene riprodotta la varietà degli ecosistemi che si trovano sul Pianeta.

In città, al palazzo della Triennale, ci sarà Arts & Foods, la quinta area tematica: una mostra che racconta come é cambiato il rapporto tra cibo e arte nel corso dei secoli. Ai Paesi che non realizzano un proprio padiglione è stata proposta un’innovativa modalità di partecipazione: i cluster. Questi spazi espositivi uniscono sotto lo stesso progetto architettonico Paesi accomunati dalla produzione di uno specifico alimento o da un determinato tema. I cluster si sviluppano su una superficie complessiva di 36.650 metri quadri e sono nove: Bio-Mediterraneo, Cereali e Tuberi, Isole, Zone Aride, Frutta e Legumi, Spezie, Caffè, Cacao e Riso. All’interno di ognuno la storia degli alimenti narrata con video, installazioni e mostre fotografiche.