BASSA e SEBINO – Discarica Macogna, comuni, cittadini e associazioni contrari. Protesta il 12 aprile

0

Nei giorni scorsi Berlingo, nella bassa bresciana, rappresentante di alcuni comuni coinvolti dal progetto, ha ospitato un’assemblea pubblica con cittadini, ambientalisti e agricoltori per dire ancora una volta “no” alla discarica di Macogna prevista tra Berlingo, Travagliato, Cazzago San Martino e Rovato.

Sul tema il Tar di Brescia si pronuncerà il 22 aprile, ma intanto i cittadini hanno già avviato la protesta con fiocchi bianchi fuori dalle case e striscioni. All’incontro di pochi giorni fa di cui ne dà conto il GiornalediBrescia.it, c’erano il sindaco Cristina Bellini, don Gabriele Scalmana responsabile della Pastorale del Creato della Diocesi di Brescia, lo storico ed esperto ambientale Marino Ruzzenenti, Gabriele Pellegrini di Legambiente Lombardia e Maria Grazia Bonfante sindaco di Vescovato nel cremonese che ospita la discarica del Malagnino.

Il progetto, approvato dalla Provincia di Brescia su richiesta della Drr di San Polo, prevede di portare in Macogna 1,3 milioni di metri cubi di rifiuti inerti. La manifestazione di protesta sarà domenica 12 aprile alle 15 con il ritrovo alle scuole medie di Berlingo e da lì fino alla Macogna dove si prevede arriveranno i rifiuti caricati dai camion.

Tra l’altro vicina si trova la falda acquifera. Dal punto di vista giudiziario, il tribunale amministrativo il 19 febbraio scorso ha sbloccato la discarica perché “non ci sono rischi idrogeologici”, mentre il Broletto ha intanto fermato il trasferimento dei rifiuti aspettando la sentenza finale.