VALSABBIA – Valsabbia, automedica a Roé Volciano. Scontro con Areu e deserto il bando per mezzo veloce

0

In Valsabbia, come a Lumezzane, prosegue la “guerra” con Areu, l’azienda regionale per l’emergenza e urgenza in vista del trasferimento delle rispettive automediche all’ospedale di Gardone Valtrompia (si sposta dalla base attuale della Croce bianca valgobbina) e a Roé Volciano (oggi è a Vestone) dall’1 aprile. In cambio, le associazioni che stanno svolgendo il servizio in convenzione con il 118 riceveranno un mezzo veloce con infermiere, ma senza medico.

Il problema in Valsabbia, come era prevedibile, è che nessuna associazione ha voluto partecipare al bando indetto da Areu per proporre il suo autista sul veicolo veloce. Situazione simile a quella che si sta presentando a Lumezzane dove, a fronte dell’ormai imminente trasferimento dell’automedica a Gardone, la Croce bianca che gestisce il servizio potrebbe dire sì al veicolo veloce con solo l’infermiere e il suo autista come volontario, purché non sia itinerante, ma faccia come adesso: partenza da Lumezzane solo in caso di urgenza.

Per quanto riguarda la Valsabbia, Areu informa che il contratto con l’Associazione Volontari Ambulanza in scadenza il 31 marzo potrebbe essere prorogato con l’Anpas o la Federazione volontari del soccorso aspettando un nuovo bando. Il sodalizio con base a Vestone si è unita nel non aderire al bando perché non vuole che il medico venga rimosso dall’auto, scatenando lo scontro con il 118 lombardo. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Pronto emergenza volontari di Odolo che ha sede ad Agnosine e l’Associazione nazionale carabinieri Valle del Chiese di Roè Volciano.

Ma quello che emerge è una sorta di scontro anche tra associazioni. I volontari di Odolo si sarebbero detti favorevoli a una collaborazione con l’associazione dei carabinieri di Roé Volciano per gestire il mezzo veloce, con la possibilità di coinvolgere anche i volontari di Vestone inizialmente favorevoli, ma che poi non si sono presentati. In ogni caso l’associazione Roé Volciano e i volontari di Odolo si dicono favorevoli a partecipare a un nuovo bando, se sarà indetto, dal 118.