MAGASA – Bocconi avvelenati anche per volpi, tavolo con il prefetto. Sindaco vuole fermare caccia

0

Il sindaco di Magasa, sul lago di Garda, Federico Venturini è pronto a chiudere la stagione di caccia sul paese come rimedio contro i bocconi avvelenati. Dopo l’ultimo caso di un cane morto per aver ingerito un’esca, il timore è che i bracconieri possano diffondere bocconi per il paese uccidendo le volpi predatrici e quindi “concorrenti” dei cacciatori alla ricerca di lepri.

Il problema, come spiega il primo cittadino, è che non finiscono solo le volpi nella trappola dei bocconi modificati, ma anche i cani. E con l’arrivo della primavera e di giornate più calde che porteranno i turisti in paese, i bocconi possono ostacolare la presenza di chi preferisce spostarsi col proprio cane per altri lidi più sicuri.

Sono stati sentiti i responsabili del comprensorio di caccia sul territorio e denunciati gli episodi ai carabinieri, ma non è bastato. Intanto è stata fatta la bonifica in località Dritta eseguita dal Comune con alcuni volontari. Il sindaco ha anche annunciato che la prossima settimana è convocato un tavolo con il prefetto e non è escluso che la stagione di caccia non parta.