BRESCIA – Terroristi, fermato in città un pakistano 30enne. Legami con la jihad islamica

0

I carabinieri del Reparto Operativo Speciale di Brescia hanno fermato fuori dal suo appartamento in via De Vitalis in città un pakistano di 30 anni, Ahmed Riaz, che farebbe parte di una rete di contatti a fini terroristici. L’uomo aveva già ricevuto un decreto di espulsione a febbraio e sarà scortato verso il Pakistan.

Secondo l’accusa avrebbe condiviso sui social network con personaggi estremisti antioccidentali diversi video e fotografie inneggianti alla jihad islamica e tra i suoi contatti è stato trovato anche Resim Kastrati, 23 anni del Kosovo, già residente in provincia di Cremona ed espulso a gennaio dopo le manifestate intenzione di entrare nell’Isis. Aveva anche esultato dopo la strage al giornale “Charlie Hebdo” a Parigi.

L’uomo non è nuovo alle autorità, visto che nell’intensificarsi dei controlli antiterrorismo anche in seguito ai fatti francesi era emerso tra i soggetti più a rischio tanto che, come detto, a febbraio aveva ricevuto un decreto di espulsione non osservato. La difficoltà di arrivare a lui era dovuta anche al fatto che aveva preso quattro nomi diversi tra loro e reso complicata l’identificazione.