ROMA – Presto on line il 730 pre-compilato dell’Agenzia delle Entrate

0

Sono state stabilite le regole per l’accesso, a partire dal prossimo 15 Aprile, al modello 730 precompilato da parte di contribuenti, datori di lavoro, Caf e intermediari. Il modulo sarà consultabile su internet e verrà preparato dall’Agenzia delle Entrate che lo destinerà a circa 20 milioni di lavoratori e pensionati.

La grande innovazione sta nel fatto che molti dei dati comunicati al Fisco in passato si troveranno già inseriti. Ciò significa che diversi cittadini potranno immediatamente restituire, dopo una rapida lettura, il 730 così com’è. Persistono tuttavia alcuni evidenti limiti, in quanto la maggior parte delle spese detraibili, tra cui quelle sanitarie e d’istruzione, non potranno essere “precompilate” ed i contribuenti dovranno modificare in maniera sostanziale il modello 730 ricevuto. Quanto alle ristrutturazioni edilizie, al bonus mobili ed all’eco bonus, essi saranno inseriti all’interno del nuovo modello soltanto se già presenti nella precedente dichiarazione dei redditi, mentre in caso di nuovi lavori dovranno essere inserite le integrazioni.

Oltre alle necessarie integrazioni, l’Agenzia delle Entrate potrebbe richiedere di spiegare alcune “incongruenze” (come la categoria catastale e l’utilizzo di un immobile) che dovranno essere chiarite dal contribuente. Le correzioni potranno essere apportate con procedura online, dopo essersi registrati al sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quest’anno, salvo casi particolari, saranno destinatari del 730 precompilato i dipendenti e i pensionati che hanno presentato per il 2013 il modello 730 o il modello Unico. Insieme al 730 precompilato l’Agenzia fornirà l’elenco dei dati presi in esame e la relativa fonte informativa. Ciascun contribuente potrà scegliere se accedere al proprio 730 precompilato direttamente o se delegare un sostituto d’imposta, ad esempio un Caf o un professionista abilitato. In caso di accesso diretto, il contribuente dovrà semplicemente inserire le credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate o quelle dispositive rilasciate dall’Inps. Una volta effettuato l’accesso, dopo aver verificato i dati proposti dalle Entrate, il contribuente potrà accettare, modificare o integrare la propria dichiarazione. Potrà, inoltre, consultare la dichiarazione presentata e l’elenco dei soggetti delegati ai quali è stata resa disponibile, oltre che ricevere eventuali comunicazioni sul proprio 730 semplicemente inserendo il proprio indirizzo mail.

La dichiarazione accettata, modificata o integrata dovrà essere inviata telematicamente a partire dal 1° Maggio e fino al 7 Luglio più proroghe. Entro cinque giorni arriverà la ricevuta con il numero di protocollo telematico del file inviato. Toccherà quindi all’Agenzia delle Entrate rendere disponibili ai sostituti d’imposta i risultati delle dichiarazioni, per il riconoscimento del rimborso o per l’effettuazione delle trattenute direttamente nella busta paga o nella rata di pensione. Nel caso in cui non sia possibile fornire al sostituto il risultato contabile, l’Agenzia informerà il contribuente sia tramite un avviso nell’area autenticata, sia via email. Qualora, invece, il sostituto che riceve il risultato contabile non sia tenuto ad effettuare operazioni di conguaglio, comunicherà in via telematica all’Agenzia il codice fiscale dell’interessato. In queste due ipotesi, il cittadino potrà, sempre attraverso l’area autenticata dei servizi telematici dell’Agenzia, presentare un 730 integrativo modificando esclusivamente i dati del sostituto d’imposta o indicandone l’assenza.

Per accedere al modello serve il codice Pin per i servizi telematici dell’Agenzia che può essere richiesto direttamente sul sito www.agenziaentrate.gov.it, telefonicamente al numero 848.800.444 o direttamente agli uffici territoriali delle Entrate.  Per agevolare i cittadini che già dispongono del Pin dispositivo dell’Inps sarà possibile effettuare l’accesso anche attraverso il sito dell’Istituto.