VALTROMPIA – Automedica Valtrompia dall’1 aprile a Gardone. Zoli (Areu): “Posizione migliore per soccorsi”

0

La situazione dell’automedica in Valtrompia che dall’1 aprile sarà trasferita da Lumezzane all’ospedale di Gardone è stata esaminata in un’assemblea della Comunità montana martedì sera alla quale hanno partecipato anche il direttore generale di Areu Alberto Zoli e quello del 118 di Brescia Claudio Mare. A mediare l’incontro, riportato da Bresciaoggi, è stato il presidente dell’ente montano Massimo Ottelli.

Il direttore generale Zoli ha reso noto che la Croce bianca di Lumezzane cui è stata assegnata l’automedica ha scritto una lettera ad Areu chiedendo di revocare la convenzione per l’emergenza se le condizioni resteranno queste. In ogni caso, come ha sottolineato il presidente dell’associazione Valeriano Gobbi, il servizio andrà avanti fino al 31 marzo. Lo stesso direttore generale ha poi diffuso degli schemi sulla necessità di spostare l’automedica a Gardone che “può coprire un territorio maggiore rispetto alla posizione di Lumezzane”.

Ma ai sindaci non è andato giù il fatto che la decisione sia stata presa da Areu senza consultare le realtà. Non a caso c’è l’assemblea dei sindaci presieduta da Matteo Zani, sindaco di Lumezzane, che ha espresso amarezza per una notizia arrivata solo tramite la Croce bianca e per un paese con migliaia di attività e 40 mila persone durante il giorno. In ogni caso Zoli ha promesso che a Lumezzane ci sarà un mezzo di soccorso intermedio senza medico ma con infermiere “itinerante” con il personale che verrà pagato da Areu.

E il presidente Gobbi ha lanciato una proposta dopo aver spiegato di non poter assumere 6,5 autisti per i costi di gestione impossibili per un’associazione di volontariato. In pratica, se il mezzo non sarà itinerante ma resta come l’attuale automedica, la Croce bianca potrebbe dare ancora i suoi volontari gratuitamente.