BRESCIA – Brescia, 300 kg di carne scaduta in tre macellerie. La parte più grossa a Lumezzane

0

Il legale rappresentante e il responsabile del supermercato di via Monsuello a Lumezzane sono stati denunciati per frode in commercio e detenzione ai fini di vendita di merce per uso alimentare trattate in modo da variarne la composizione naturale.

Il caso riguarda la macelleria interna al market, di proprietà di un’azienda piacentina per l’ingrosso di carni, controllata dai carabinieri locali con l’Asl di Brescia. Hanno trovato 214 chilogrammi di carne e insaccati senza etichette obbligatorie per legge o scadute e di questi, 200 chili erano nelle celle frigorifere e 14 nei banchi frigo a disposizione dei clienti.

Le forze dell’ordine hanno ispezionato anche un camion legato allo stesso ingrosso che stava scaricando la merce nel supermercato e dove c’erano altri 18 chili di carne bovina scaduta. Ma non è l’unica macelleria irregolare in provincia di Brescia gestita dall’azienda di Piacenza.

Altri controlli sono stati fatti al supermercato di via Giotto a Brescia dove mancavano etichette e tracciabilità per 46 chili di carne e a Carpenedolo dove carabinieri, Asl e Nas di Brescia hanno sequestrato 10 chili di carne ormai scaduta.