BRESCIA – Festa della donna, al Museo di Santa Giulia le coppie entrano pagando la metà

0

Domenica 8 marzo Fondazione Brescia Musei festeggia la Giornata Internazionale della Donna.

A tutte le donne che visiteranno in coppia nell’arco della giornata i Musei Civici di Brescia verrà omaggiato un biglietto di ingresso a fronte di un biglietto pagante. Una bella occasione per visitare il Museo di Santa Giulia, con la mostra attualmente in corso Raffaello. Opera prima e la sezione L’Ospite eccellente che accoglie la collezione della Pinacoteca Tosio Martinengo; l’area archeologica del Capitolium con il Teatroromano; il Museo delle Armi Luigi Marzoli e il Museo del Risorgimento in Castello.

Inoltre, al Museo di Santa Giulia, nel pomeriggio si terranno due iniziative speciali dedicate al tema della donna nell’antichità: Schiave matrone e imperatrici, un itinerario suggestivo per indagare alcune figure femminili attraverso le testimonianze conservate nel museo e, per il ciclo L’Opera del Mese: 12 capolavori per 12 mesi, la presentazione del ritratto femminile in bronzo di età imperiale, che rappresenta uno dei ritratti femminili più famosi di tutta la collezione civica.

Museo di Santa Giulia, ore 14.30
SCHIAVE MATRONE E IMPERATRICI

visita teatralizzata
L’emancipazione femminile in epoca romana fu un processo lento ed accettato con molta difficoltà nella società del tempo: gli uomini romani, pur non essendo così misogini come i greci, preferivano donne sottomesse. Livio, ad esempio, suggerisce di non concedere troppi diritti alle donne, perché esse…quando saranno uguali saranno superiori…Alcune figure femminili sono indagate in un suggestivo itinerario che, attraverso le antiche testimonianze conservate nel museo affronta un tema al confine tra la storia dell’arte e la storia del costume.

E’ richiesta la prenotazione telefonando o inviando una mail al CUP.
Biglietto: adulti € 10; over 65 e ragazzi dai 14 ai 18 anni € 7,50; ragazzi fino ai 13 anni € 3. 

Museo di Santa Giulia, ore 15.30
L’OPERA DEL MESE DI MARZO
Ritratto femminile in bronzo
Immagine dama web
Il bronzo di età imperiale, uno dei ritratti femminili più famosi delle collezioni bresciane esposto nel Museo di Santa Giulia, ritrae una donna di età matura, con un volto pieno, caratterizzata dalla tipica pettinatura di moda a Roma nella seconda metà del I secolo d. C. Numerosi studiosi concordano nell’identificare nel volto femminile la moglie dell’imperatore Domiziano (81-96 d.C.), Domizia Longina, sebbene i tratti pesanti del volto allontanino il ritratto da quelli previsti per la famiglia imperiale. La testa in bronzo venne portata in luce nel luglio del 1826, in occasione degli scavi archeologici promossi dell’area del Capitolium, insieme ai celebri bronzi bresciani, tra i quali la statua della Vittoria alata e gli altri ritratti maschili esposti nel Museo.

Al termine della presentazione, a cura della dott.ssa Francesca Morandini, sarà possibile entrare in museo per vedere l’opera e cogliere tutti i dettagli messi in evidenza dalla relatrice.
Ingresso libero (sino ad esaurimento dei posti disponibili).

Inoltre…

NELLA LINGUA DEI SEGNI
Servizio permanente con percorsi dedicati a persone sorde e sordomute
domenica 8 marzo ore 15.00
Museo di Santa Giulia
Biglietto € 3
Per gruppi di massimo 10 persone