SALO’ – Vela, si chiude nel weekend la “Autunno Inverno” della Canottieri

0

Si corre nel prossimo week end la 6a  giornata (e ultima) del circuito velico “Autunno Inverno” della Canottieri Garda, tappa conclusiva dell’interessante manifestazione che vedrà impegnate le classi Star e Dinghy. Per la Canottieri Garda è, dopo la Trans Lac en Du, un nuovo evento dei 124 anni di attività, di quello che è il più longevo sodalizio sportivo di tutta l’area del Benaco. La classifica generale della bellissima classe Star vede, attualmente,  primo Roberto Benamanti (Fraglia Malcesine, ex Campione Mondiale ed Europeo con questo scafo NELLA FOTO) che ha avuto a prua ben 3 prodieri: Mafezzoli, Melato e  suo figlio Jordi. Secondo in classifica c’è un altro team della Fraglia di Malcesine quello che ha visto alternarsi Davide Leardini e l’ex campione d’Europa Albino Fravezzi. Terzi sono i gentlemen del CV Gargnano  Roberto Magni e Giovanni Pozzi, quarti De Bernardi-Marcolongo del lago d’Orta, quinto il lariano Carlo Noseda che ha avuto come timoniere per qualche giornata Carlo Fracassoli (Canottieri Garda).

La presenza della classe Star si lega al progetto (rimasto sulla carta) di uno scafo che Gabriele D’Annunzio voleva farsi costruire da un maestro d’ascia nel 1930 e che avrebbe dovuto chiamarsi “Principe di Montenevoso”, come D’annunzio amava firmarsi.  Nel singolo del Dinghy il medico milanese Andrea Cestari dopo un lungo inseguimento è ora primo nella prima posizione provvisoria davanti ad Ermellin e Mosconi. La classe Protagonist 7.50 ha invece chiuso già nella 5a regata la sua Autunno Inverno con l’affermazione finale di  “El Mòro” dello skipper salodiano Stefano Spadini; undici prove valide, la graduatoria dettata dalla prima manche che ha visto arrivare solo “El Mòro” (in quell’occasione condotta dal velaio di casa Carlo Fracassoli), che alla fine batte tutti nonostante un bel recupero da parte di “Antares” di Carlo Apostoli, alla tattica Luciano Galloni (uno degli ideatori di questa bella barca con il fratello Gianni e il progettista Gigi Badinelli), terzo “Piccolo Principe” con Giuseppe Tranquilli (Canottieri Garda).