ROMA – Cromo esavalente in acqua di Brescia, Pd e M5s interrogano Governo. Con un bicchiere

0

La concentrazione elevata di cromo esavalente presente nelle acque della provincia di Brescia che poi giungono ai rubinetti delle famiglie è arrivato stamattina, come citato dal GiornalediBrescia.it, alla Camera dei Deputati per opera di due interrogazioni presentate dal Partito Democratico (Bazoli, Cominelli, Berlinghieri e Galperti) e del Movimento 5 Stelle (Sorial, Cominardi, Alberti e Basilio) al sottosegretario del Ministero della Salute Vito De Filippo.

Nella replica del bresciano Giorgio Sorial (M5s) si parla di concentrazioni a Ospitaletto, registrate nelle ultime settimane, per 70 volte maggiori rispetto al limite consentito che la legge italiana fissa a 5 microgrammi per litro alla falda e 50 all’acqua del rubinetto. Il deputato parla di “emergenza” e anche della concentrazione nei terreni sotto l’autostrada A4 per il collegamento alla Tav e poi nelle zone della BreBeMi.

“Nel 2011 l’Organizzazione mondiale della sanità parla di pericoli per l’uomo – dice Sorial alla Camera – e le agenzie per la protezione ambientale di Stati esteri, come la California, parlano di 0,02 microgrammi per litro massimo consentito, 500 volte meno di quelle c’è oggi nelle falde di Brescia”. Poi mostra un bicchiere di acqua.

GUARDA IL VIDEO

“Qui ci sono 30 cc di acqua incolore e inodore che arriva da Brescia – commenta Sorial in un episodio curioso – la porto al sottosegretario e gli chiedo di berla per dimostrare ai bresciani che non è pericolosa”. Poi si sposta dai banchi nonostante fosse stato invitato dal vice presidente della Camera Luigi Di Maio, che presiedeva l’aula, a tornare al suo posto. Il sottosegretario poi in Transatlantico ha annunciato di averla bevuta.

INTERROGAZIONI PD E M5S