SALO’ – Gioielli rubati, arnesi da scasso, ubriaco violento e armi illegali. Denunce dai carabinieri

0

I carabinieri di Salò sono stati impegnati in vari controlli sul territorio che hanno portato a diverse denunce. Nel primo caso, tre valtrumplini con età compresa tra i 25 e i 34 anni e già conosciuti dalle forze dell’ordine per altri precedenti, si sono visti perquisire la propria auto, una Lancia Y nera, dopo che i militari li hanno visti muovere in modo sospetto.

A bordo hanno trovato arnesi da scasso, gioielli d’oro, 20 euro falsi e un bancomat del Credito Cooperativo di Brescia che sarebbero stati rubati a Brescia l’11 gennaio a un pachistano. Poi hanno recuperato anche perle piccole bianche, un girocollo bianco in perle grandi, un bracciale argento e verde-acqua, quattro collane di bigiotteria di vari colori, una collana in argento con ciondolo, un orecchino d’oro con perla e diamantini e due ciondoli in oro giallo a forma di pigna.

Trovati anche 335 euro provento dell’attività illecita. Tutti e tre sono stati denunciati per chiavi alterate o grimaldelli, indebito utilizzo di carte di credito o di pagamento, spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate e ricettazione in concorso.

In un altro caso è stato denunciato per minaccia aggravata, lesioni personali e ubriachezza un 34enne residente a Preseglie, in Valsabbia, perché, ubriaco, aveva minacciato e aggredito poco prima un cliente marocchino. Un’altra operazione, invece, riguarda due persone denunciate per violazione della legge sulle armi, tanto che a un ragazzo 33enne sono stati sequestrati 12 proiettili calibro 9 che aveva illegalmente. Due fucili da caccia calibro 12, mai denunciati, sono stati trovati a disposizione di un 65enne di Tremosine, anche lui denunciato.