BRESCIA – Alpini, Davide Forlani lascia presidenza dopo nove anni. Giovedì sarà eletto il successore

0

Il presidente della sezione degli alpini di Brescia Davide Forlani passa la mano dopo nove anni di gestione, dal 2006 a oggi. Ieri nell’auditorium Balestrieri del liceo Leonardo in città ha lanciato il suo ultimo discorso ai 500 delegati presenti in platea. C’erano anche il presidente nazionale Sebastiano Favero, il vice Ferruccio Minelli e l’ex vicepresidente nazionale e capo a Brescia Sandro Rossi. Relazione densa di attività svolte dagli alpini quella presentata dall’ormai ex presidente 53enne per un gruppo, quello bresciano, invidiato a livello nazionale.

E Forlani ha lanciato anche un monito ai rappresentanti dei 159 gruppi provinciali. “Salvate questa realtà dagli influssi di certa politica che proverà a inserirsi nelle sedi e nella vita dell’associazione durante le scadenze elettorali, minando la compattezza”. Il nuovo presidente sarà eletto giovedì, mentre ieri si sono svolte le elezioni per rinnovare nove dei 25 consiglieri.

Quelli nuovi sono Simone Lussignoli (Erbusco), Daniele Nicolini (Ponte Zanano), Battista Ravelli (Castegnato), Angelo Bersini (Poncarale), Lorenzo Guerini (Marone), Valter Lorandi (Nuvolera), Mario Poli (Concesio), Giuseppe Lamberti (Zocco Spina) e Gianfranco Tavolazzi (Isorella). Giulio Barba degli alpini di Bedizzole e Armando Bocchi di Palazzolo sono stati nominati revisori dei conti, mentre Filippo Martinazzi (Fiumicello) e Adolfo Ferrata (Monte Isola) fanno parte della giunta che procederà agli scrutini. Giornata di premi, poi, per le sezioni della Valtrompia, con Pezzaze e Marcheno secondi nel trofeo “Piero Gelmi” e rispettivamente primo e terzo nel “Bajetti Panazza”.