Rugby Serie A, Patarò aspetta la difficile sfida con ASR Milano

0

Ritorna sul sintetico del Rossaghe,  per affrontare un avversario ben noto, il Patarò Lumezzane. Gli ospiti domenicali dei valgobbini sono, infatti, i meneghini dell’Asr. Uno scontro tra matricole della serie A che è ormai al terzo atto: nella fase territoriale Lumezzane e Milano si sono già affrontati due volte, ottenendo entrambi una vittoria tra le proprie Acca. Due formazioni che ai dolci ricordi della passata stagione, trascorsa nelle posizioni di vertice della serie B, hanno sostituito il pensiero fisso del mantenimento della nuova categoria.  Nella strada verso   la salvezza la compagine di Gosling è qualche passo più avanti, avendo immesso già 7 punti in graduatoria, grazie al successo con bonus centrato con Badia e al pareggio firmato domenica scorsa a Rubano. Sono 4, dovute alla vittoria casalinga sul Vicenza dello scorso turno, le lunghezze che hanno, invece, conquistato i milanesi.

Al terzo round con l’Asr, il Lumezzane si presenta favorito dai precedenti, sul sintetico del Rossaghe i meneghini non sono ancora riusciti a passare, ma pesantemente ridimensionato dagli infortuni e dai malesseri di stagione che hanno dimezzato la rosa. Non saranno del match: Aluigi, Apostoli, Appiani, Bosio, Nicol, Piscitelli e Scaramella.  Si registra anche un nuovo arrivo, quello di Giuseppe Pagani, terza linea proveniente dallo Junior rugby Brescia.

“È una partita importante che dobbiamo vincere – annuncia coach Gosling – ma non sarà semplice perché con Milano abbiamo sempre faticato.È una buona squadra: molto veloce,  abile a muovere la palla e a spostare il gioco ed è  dotata di ottimi giocatori, come il pilone Ferrari che l’anno prossimo giocherà a Treviso in Pro 12.  Ci aspettiamo un guerra e faremo di tutto per vincerla.”

La formazione del Patarò Lumezzane: Tamburri; Masgoutiere, Gabba, Zaffino, R. Costantini, Faralle, Cittadini; Cuello, Bellandi, Seminara; Scotuzzi, Montini; Piciaccia, Zoli, Magli. A disposizione: Cairo, Fazzari, Vitrani, Bugatti, Rizzotto, D. Costantini, Locatelli, Savardi.