VALTROMPIA – Autostrada, il 16 luglio Anas può dare il via libera ai lavori. Tar concede sei mesi di proroga

0

Il Tar di Brescia ha concesso alla società autostradale Anas i sei mesi di tempo necessari per aggiudicare definitivamente i lavori del raccordo autostradale della Valtrompia all’impresa Ics Grandi Lavori di Roma. Il termine era scaduto il 10 gennaio, ma Anas era partita da un dato: non ci sono i soldi per dare il via libera. Soldi che deve mettere la società Serenissima a capo dell’autostrada Brescia-Padova.

La motivazione della mancata aggiudicazione è stata presentata giovedì scorso in via Zima e ieri i giudici bresciani, riuniti in camera di consiglio, hanno consentito di aspettare altri 180 giorni. Servono 258 milioni di euro per il tronco Concesio-Sarezzo del raccordo autostradale di valle, ma finché non arrivano non si possono iniziare i lavori. Ma si aggiunge anche un “giallo” tra Anas e l’azienda.

La società ha scritto nella motivazione che l’unica delibera da poter approvare sarebbe l’annullamento dell’appalto, ma gli avvocati di l’Ics Grandi Lavori parlano di “affermazioni infondate. Potrebbero già aggiudicare i lavori per velocizzare i tempi, ma non lo fanno – si legge nelle dichiarazioni riportate dal Giornale di Brescia.- Adesso è impossibile annullare la gara, l’azienda chiederebbe dei risarcimenti e comunque Anas parla di finanziamenti possibili”.

Non a caso nel documento che la società ha depositato al Tar si parla del fatto che “secondo vie informali, il problema finanziario nei prossimi mesi può essere superato con la redazione del piano economico finanziario della concessionaria”. Tradotto, entro sei mesi, la Serenissima si vedrà approvare dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti il bilancio, che però dipende dal via libera al progetto della Valdastico Nord, in Trentino.

Il decreto “Milleproroghe” ha concesso sei mesi di tempo e lo “Sblocca Italia”fa sì che nessuno possa ostacolare i lavori con altri ricorsi. C’è tempo fino al 30 giugno, mentre il 16 luglio è convocata un’altra udienza al Tar. Potrebbe essere la data ufficiale in cui Anas darà il via libera all’impresa e quindi ai cantieri dell’autostrada.