VALTROMPIA – Città Valtrompia, Comunità montana coordina servizi dei piccoli Comuni

0

Caino, Brione, Polaveno, Lodrino, Irma, Marmentino, Tavernole, Pezzaze, Bovegno e Collio hanno firmato e approvato sei convenzioni per altrettanti servizi con la Comunità montana. E’ di fatto un altro passo verso la Città della Valtrompia di cui si parla da tempo. La decisione è stata ratificata nell’ultima assemblea dell’ente montano di cui ne dà conto Bresciaoggi per coordinare le funzioni che dal 2010, per legge, devono essere accentrate per i Comuni sotto i 3 mila abitanti.

Nel campo entrano i settori sociali e civili, esclusi quelli anagrafici, per i quali gli enti locali doveva scegliere tra convenzione o unione di Comuni. Alla fine del 2012, così, catasto, protezione civile e servizi sociali erano entrati in convenzione che legavano i paesi alla Comunità montana. Ma circa un anno fa Collio, Marmentino e Tavernole si erano inseriti nell’Unione comuni Alta Val Trompia Via del Ferro. Di fatto la valle dal punto di vista dei servizi si trovava spaccata, ma nell’ultima assemblea si è trovata una soluzione.

Quindi, catasto, Protezione civile e servizi sociali saranno in capo alla Comunità montana, i tre Comuni dell’alta valle continueranno a gestirsi gli altri servizi, gli altri sette sono sempre con l’ente montano. Poi, come riporta il quotidiano, statistica e rifiuti restano sotto l’ente sovra comunale, mentre per l’organizzazione generale, edilizia scolastica e servizi scolastici, pianificazione urbanistica, edilizia e servizi pubblici locali i sette comuni restanti sono divisi fra alta e media bassa valle. Per la sicurezza, la Polizia locale è già condivisa tra Nave e Caino, l’alta valle sta facendo una convenzione sotto la guida di Marcheno ed è in studio anche tra Brione e Polaveno.