MILANO – Scontri Cremona, l’assessore Cappellini: “E’ intollerabile. Uno sfregio alla città”

0

“Quanto accaduto ieri pomeriggio a Cremona è intollerabile e non rappresenta minimamente lo spirito e i valori della comunità cremonese. Vedere le immagini dei danni provocati alla città dai delinquenti che l’hanno messa a ferro e fuoco mi provoca sdegno e tristezza, prima di tutto da cremonese e in secondo luogo da rappresentante delle istituzioni”.

E’ il commento dell’assessore lombardo, di Soncino, alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Cristina Cappellini sugli scontri di ieri tra i centri sociali e forze dell’ordine e agli assalti di manifestanti a negozi, banche e sedi istituzionali della città. Il corteo era stato organizzato dal centro sociale Dordoni per manifestare dopo la violenza subita da un attivista negli scontri con CasaPound di domenica scorsa al termine della partita di calcio tra Cremonese e Mantova.

“Giornate come quella di ieri ci fanno perdere credibilità agli occhi del mondo. L’immagine di una città bella e poetica come Cremona non si merita e non si può permettere questo sfregio. E’ davvero vergognoso – dice ancora l’assessore – soprattutto se pensiamo ai commercianti e ai cittadini in generale, costretti a nascondersi nelle proprie case e oggi a fare i conti con i danni inferti da chi fa della violenza la propria bandiera.

Dopo episodi così gravi i rappresentanti politici e istituzionali locali devono prendere le distanze una volta per tutte da chi non è in grado di garantire il corretto svolgimento di manifestazioni nella propria città. Dobbiamo inoltre pretendere che i responsabili dei fatti di ieri rispondano fino in fondo delle proprie azioni, per rispetto dei cittadini oltre che della legge”.