VALCAMONICA – Expo, come si sta preparando la Valle dei Segni. Ma ci sono disagi

0

Mancano solo tre mesi e otto giorni all’apertura di Expo a Milano quando sono attesi milioni di visitatori da tutta Italia, dall’Europa e dal mondo. Ma chi arriva non si fermerà a Milano per poi tornare, a casa, può anche visitare le città vicine, a partire da Brescia e i siti culturali come la Valcamonica, riconosciuta come Valle dei Segni e famosa nel mondo per le sue incisioni rupestre di epoca preistorica che l’hanno fatto entrare nel patrimonio mondiale dell’Umanità per l’Unesco.

Già, la Valcamonica fatta di parchi, musei e riserve naturali. Ma forse non sarà così facile destreggiarsi e muoversi tra le varie attrazioni e prima di tutto arrivarci. La versione bresciana del Corriere.it ha provato a fingersi turista che dopo l’esposizione milanese si sposta nel bresciano. Sia se arriva in aereo, in auto o in treno, c’è una prima difficoltà. Non si parla da nessuna parte della Valle dei Segni almeno che non si arrivi sulla Ss 42 della Valcamonica. Niente infopoint alla stazione ferroviaria di Brescia e nemmeno vicino all’autostrada A4, tranne le indicazioni.

L’unica soluzione che hanno i visitatori è uscire a Darfo e puntare sull’ufficio turistico dove poter avere tutte le informazioni anche per chi desidera sciare. Sul fronte culturale, invece, l’offerta tra Capo di Ponte, Ceto, Paspardo, Cimbergo e Cemmo conta otto musei, ma sei tipi diversi di biglietti. E non c’è un punto di riferimento da contattare per organizzare una visita guidata a tutti i musei e aree della zona. Anche per motivi di orario, come riporta il quotidiano, visto che per esempio il parco Naquane a Capo di Ponte il sabato e domenica è chiuso.

Così come il Museo della Preistoria di Cemmo che la domenica apre con monitor touch screen e offerte, ma a orari limitati. E anche la politica dei prezzi fa sì che sì che i musei incassino su tutto, anche per i bambini e nei laboratori, visto che le attività si finanziano soprattutto con i biglietti. L’unica soluzione che può rendere felici i turisti è prenotare la visita alle attrazioni e fare riferimento al sito internet per orari e come raggiungere la valle.