VALTROMPIA – Autostrada, Alberti (M5s): “Nuovo spreco lombardo. Progetto vecchio per opera inutile”

0

Pochi giorni fa gli amministratori di Sarezzo, Lumezzane, Villa Carcina e Concesio insieme alla Comunità montana avevano e Provincia fatto il punto della situazione sul raccordo autostradale della Valtrompia parlando di “un’opera che si fa, a giugno prevediamo di vedere aperti i cantieri”. Ma dopo il commento critico della Cgil di Brescia che ieri ha definito il raccordo “un’opera pensata nel passato e ormai fallimentare perché sono cambiate le abitudini degli automobilisti e pendolari”, si aggiunge anche il deputato bresciano dell’M5s Ferdinando Alberti. “L’autostrada Valtrompia è l’ennesimo spreco lombardo.

L’abbiamo già visto con BreBeMi e Tav: progetti vecchi per grandi opere inutili. Negli anni Ottanta e negli anni Novanta – dice Alberti – i politici promettevano e regalavano promesse. Illudevano gli italiani parlando di un’Italia in crescita perenne che poteva vivere nell’inquinamento consumando territorio ed energia all’infinito. Quell’Italia non è mai esistita! Le imprese continuano ad andarsene dalla Valtrompia e dall’Italia, i tumori sono in continuo aumento e l’agricoltura è in ginocchio. In quel contesto sono state autorizzate le grandi opere inutili che adesso altri politici ci obbligano a subire: autostrade deserte e ferrovie devastanti. E c’è chi ancora ci crede. La provincia spinge per ripartire (ma non era stata abolita?).

L’autostrada della Valtrompia in quasi vent’anni ha visto tutto: sospensioni e bandi annullati, bocciature Ue per mancanza di gara d’appalto, espropri anticipati o mai realizzati. Nel 1999 doveva costare 270 milioni di euro e ora si prevede costerà 923 milioni, ma i soldi non sono mai stati stanziati. Solo 258 milioni sono destinati a realizzare ben 7 km tra Concesio e Sarezzo. Insomma l’ennesimo pasticcio del nord, un territorio svenduto per grandi interessi economici. La tratta Concesio-Lumezzane sarà soggetta a pedaggio, prepariamoci a un’altra partitella su un’autostrada vuota” ha concluso il deputato bresciano dopo le polemiche seguite al video che mostra alcuni ragazzi giocare a pallone sulla BreBeMi.