SAREZZO – Scorie Acciaierie Venete, Arpa e Asl chiedono altri documenti. Ferraglio: “Ok entro l’anno”

0

Le 267 tonnellate di scorie radioattive che si trovano nelle Acciaierie Venete di via Antonini, nel paese valtrumplino, non saranno spostate, ma verranno messe in sicurezza. E’ quanto emerso da un incontro svolto ieri in Prefettura a Brescia, e di cui ne dà conto Bresciaoggi, al quale ha partecipato per il Comune l’assessore alle Politiche ambientali ed Ecologia Fabio Ferraglio.

Prima della riunione c’era stata una seduta della commissione Territorio con il comitato che cura il Gobbia per conoscere le ultime novità. Rispetto alle richieste aggiuntive fatte dall’Arpa, Asl e dai vigili del fuoco sulla base del primo progetto del contenitore per le scorie, gli stessi enti hanno chiesto altri documenti, ma sembra sia solo questione di dettagli.

“Le segnalazioni che hanno fatto all’azienda non stravolgono l’opera – ha detto Ferraglio nelle dichiarazioni riportate dal quotidiano bresciano – pensiamo che questo sia stato l’ultimo incontro, altre eventuali indicazioni arriveranno dal Prefetto. Entro il 2015 dovremmo essere in regola”. E’ probabile che il tema venga affrontato mercoledì 28 gennaio quando il prefetto Narcisa Brassesco Pace, in visita istituzionale a Sarezzo, sarà anche nell’azienda.