ROCCAFRANCA – Tentò di rapire una bambina alla sagra di paese, 33enne marocchina a processo

0

Il 3 marzo al tribunale di Brescia si terrà la prima udienza del processo contro N. K., la 33enne marocchina accusata lo scorso 6 settembre di aver tentato di rapire una bambina di due anni alla Sagra del Quarantì a Roccafranca, paese della bassa bresciana. Sull’imputata era stata disposta una perizia psichiatrica per verificare il suo stato di mente e come riporta Bresciaoggi è stata dichiarata capace di intendere e volere.

Subito dopo quell’episodio, infatti, era stato fatto un test sulla donna che rilevavano alcuni problemi psicologici, ma non tali da evitarle il processo e nemmeno la presenza alle udienze. La marocchina con una cugina si era avvicinata alla piccola che stava giocando ai gonfiabili quando l’ha portata con sé. Ma la madre della bambina si è accorta di quanto stesse accadendo e ha allertato il marito e padre della piccola che ha bloccato le due donne.

La 33enne si era giustificata dicendo che aveva spostato la piccola dal marciapiede per non farla sfuggire dagli occhi della madre, ma i carabinieri che hanno indagato sull’episodio non sono stati convinti e così sulla 33enne che abita in provincia di Vicenza è stato disposto l’obbligo di dimora e dovrà presentarsi alla prima udienza del processo.