LUMEZZANE – Nuoto, l’1 febbraio il trofeo dedicato a Davide Bonomi. Gare anche a Gussago

0

Torna domenica 1 febbraio il trofeo “Città di Lumezzane”, la manifestazione di nuoto, giunta alla 26a edizione e dedicata per l’undicesimo anno a Davide Bonomi, che si disputerà nella piscina valgobbina “Albatros” e in quella di Gussago. L’evento, con il patrocinio del Comune di Lumezzane e della Comunità montana della Valtrompia, è riconosciuto dalla Federazione Italiana Nuoto come gara interregionale e s’inserisce nel panorama delle competizioni di promozione dello sport giovanile. Il trofeo è intitolato alla memoria di Davide Bonomi, ragazzo sportivo che spesso frequentava l’impianto lumezzanese.

E’ l’undicesimo anno che la famiglia Bonomi vuole ricordare Davide e rinnovare i valori che erano suoi, quali l’attenzione e l’aiuto ai più deboli, la generosità verso tutti, l’operosità nel lavoro e nel volontariato. Sono iscritte ventiquattro società, per un totale di 600 atleti che provengono dalla Lombardia, dal Trentino Alto Adige, Veneto e dall’Emilia Romagna. Anche quest’anno si è concordato con Paolo Carbone, direttore della piscina “Le Gocce” di Gussago, di poter usufruire dell’impianto franciacortino per le qualificazioni delle categorie ragazzi, junior, cadetti e senior. Gli esordienti A e B gareggeranno invece a Lumezzane.

Così facendo si raddoppiano gli atleti per gara e si garantisce il termine della manifestazione ad un orario condivisibile. L’utilizzo delle piastre di rilevamento dei tempi di gara in automatico permettono ai partecipanti di vedersi riconosciuti validi i propri tempi per le qualificazioni ai campionati italiani. Ciò aumenta ancora di più l’interesse per la manifestazione che si colloca temporalmente proprio nell’ultimo periodo valido per accedere alle qualificazioni primaverili.

Programma gare

Impianto di Gussago – solo il mattino

Riscaldamento dalle 8 alle 8,50
Inizio gare ore 9
Gare previste
Rag – Jun – Ass femmine e maschi: 100 SL, 50 RA, 100 DO, 50 FA, 200 MIX, 50 SL, 100 RA, 50 DO, 100 FA. Al primo classificato di ogni gara premio in materiale tecnico ritirabile presentando il proprio cartellino gara al banco preposto.
Ora prevista per fine gare alle 12,30

Impianto di Lumezzane – gare mattino e pomeriggio
Mattino
Riscaldamento dalle 8 alle 8,50
Inizio gare ore 9
Esordienti A e B femmine e maschi: 200 SL, 100 RA, 100 DO, 50 FA (solo per es. B), 100 FA (solo per Es. A). Le premiazioni individuali sono svolte ad ogni cambio di stile (ad esempio a fine 100 RA si premiano i primi tre classificati nei 200 SL).
Orario previsto per fine gare del mattino alle 12

Pomeriggio
Riscaldamento dalle 14 alle 14,50
Inizio gare ore 15
Gare previste
Ore 15 Esordienti A e B femmine e maschi: 100 MIX (solo es. B), 200 MIX (solo es.A) e premiazioni.
Ore 16,15 Finali per categoria femmine e maschi. I migliori sei: 100 SL, 100 DO, 100 RA, 100 FA e premiazioni dirette ai primi tre ad ogni arrivo.
Ore 17 Esordienti A e B femmine e maschi: 100 SL e premiazioni.
Ore 18 Finalissima: i migliori sei atleti in assoluto sulla base dei punteggi tabellari della Coppa Brema – 100 MIX Australiana su 3 turni e premiazioni.
Fine gare alle 18,10
Premiazioni squadre e termine manifestazione alle 18,30.

Finali del pomeriggio nella piscina di Lumezzane:

– I migliori sei maschi e sei femmine delle categorie Ragazzi, Ragazzi1M, Junior ed Assoluti accedono alle seguenti finali: 100 S.L.; 100 DO; 100 RA; 100 FA;
– Accedono alla finalissima all’Australiana i migliori sei maschi e sei femmine in assoluto (secondo i punteggi tabellari disponibili della Coppa Brema) di coloro che hanno partecipato alle finali sui 100 SL/DO/RA/FA..
– La finalissima all’Australiana si svolge sui 100 Misti con tre ripartenze senza riposo (escluso i tempi tecnici); alla prima partenza si elimina il 6° e il 5°, alla seconda partenza si elimina il 4° e alla terza partenza si assegnano i primi tre posti definitivi.
Per le categorie Esordienti B e A non ci sono finali. La classifica finale per società sarà redatta assegnando in ogni gara per ogni categoria i seguenti punteggi: nove al 1° classificato, sette al 2°, sei al 3°, cinque al 4°, quarto al 5°, tre al 6°, due al 7°, uno al 8°. Le finali avranno doppio punteggio. Ogni atleta può partecipare a un massimo di tre gare più staffetta ed eventuale finale. Ogni società potrà iscrivere massimo 80 atleti per gara, più una staffetta. Sono ammesse le seconde squadre.

La presentazione del trofeo di nuoto è stata anche l’occasione per mostrare la nuova stagione della squadra “Albatros”. Sono 120 gli atleti che fan parte a vari livelli. Ci sono trenta bambini in preagonistica, cinquanta atleti in agonistica e quaranta atleti nei master. La squadra preagonistica è suddivisa in due settori: il primo è orientato al passaggio in agonistica formato da bambini che in genere hanno dai 6 agli 8 anni ed il secondo è invece dedicato a quelli che ancora giovani rinunciano al passaggio in agonistica oppure ritornano perché non fa per loro.

Anche la squadra agonistica ha al suo interno due gruppi: il primo partecipa al progetto “Vittoria Alata” che raccoglie i migliori atleti di Franciacorta Sport, Nuoto Brescia, Canottieri Garda, Rezzato, Seven Infinity e Albatros, mentre il secondo prosegue le finalità agonistiche adeguate alle esigenze di chi non persegue obiettivi di altissimo livello. Il gruppo master propone due indirizzi: il primo è rivolto a quelli che vogliono tornare a misurarsi in vasca, mentre il secondo è dedicato alle piccole grandi imprese come le traversate dei laghi o il bagno di inizio anno in luoghi superinvernali. Come tradizione sono stati anche premiati i giovani che stanno crescendo con i valori sportivi della lealtà, del coraggio, dell’amicizia e della socialità.

A premiare sono stati Roberto Parisi, Alberto Catalano e Nicole Tanghetti. Hanno ricevuto il riconoscimento Martina Piccolo (Ragazzi) del 2000, specialità 100 farfalla a livello individuale perché arrivata quarta ai campionati regionali invernali e nona ai regionali estivi. Con la staffetta mix ai regionali invernali è arrivata seconda, a quelli estivi prima, agli italiani giovanili invernali nona e a quelli estivi quinta. Poi Leonardo Catalano (Assoluti) del 2001, decimo nei 100 SL ai regionali. Infine, Tommaso Franchi (Esordienti B) del 2003, campione regionale nei 100 SL sia in inverno sia in estate e in estate anche nei 50 farfalla. Nella foto la squadra “Albatros” presentata in Comune