SAREZZO – 50 anni alpini di Zanano con una mostra in Avogadro, canti e la festa di Nikolajewka (video)

0

Il gruppo alpini di Zanano, in occasione del 50° anniversario di fondazione e 100° della prima guerra mondiale, organizza una serie di iniziative. Si parte con la mostra “Schegge di guerra” che si terrà al Palazzo Avogadro dal 17 gennaio all’1 febbraio. L’inaugurazione si terrà sabato 17 gennaio alle 17, poi la mostra resterà aperta nei giorni feriali dalle ore 20 alle 22, sabato e domenica dalle 14 alle 18. Si potranno anche fare visite per le scolaresche, chiamando il 335.5860335.

La prima sala al piano terra sarà dedicata alla storia del gruppo alpini di Zanano attraverso il racconto fotografico. Due sale, al primo piano, saranno rivolte invece alle due guerre mondiali con fotografie, reperti ed equipaggiamenti delle varie epoche e l’ultima sala per le missioni attuali all’estero e in Italia degli alpini e altri gruppi di volontari come la Protezione civile. Il materiale per gli allestimenti proviene dal museo della sede zonale degli alpini di Brescia.

Le iniziative per i festeggiamenti andranno avanti sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio con un concerto di canti alpini e la tradizionale festa di Nikolajewka. Sabato 31 gennaio alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Zanano si terrà il concerto “Quel lungo treno…”, canti alpini e racconti della grande guerra con il coro Ana di Cremona, complesso di fiati “Clara Vox” e la voce narrante di Luca Rossoni. Il coro Ana degli alpini di Cremona nasce nel 2002 grazie alla passione di un piccolo gruppo di alpini che hanno poi contagiato altri aumentando il numero dei componenti e la qualità del canto.

Nel 2005, con il maestro Carlo Fracassi, musicista per passione e professione (è costruttore di organi e ha realizzato l’organo della chiesa parrocchiale di Zanano), nonché presidente della sezione Ana di Cremona, c’è stato il “battesimo del fuoco” in occasione dell’adunata nazionale di Parma. Il coro si presenta con il cappello alpino, proponendosi di mantenere vivi il ricordo e l’attenzione per la realtà degli alpini, della loro storia, dei loro valori, della loro umanità, del loro amore per la pace.

Dominano, nel repertorio, i canti degli alpini o Cante, ma ci sono anche melodie tipiche della tradizione montanara e motivi religiosi. I festeggiamenti si concluderanno domenica 1 febbraio con la festa di Nikolajewka che prevede alle 8,30 l’ammassamento in piazza Caduti della Libertà di fronte alla sede degli alpini, alle 9,40 l’alzabandiera e onore ai caduti, alle 10 la sfilata per le vie del paese con la Filarmonica Santa Cecilia, alle 10,30 una messa nella parrocchiale e alle 12 il rancio all’oratorio di Zanano.

GUARDA LA SFILATA PER I 50 ANNI (WEB TV)