MILANO – Saldi, Parolini: “Spero nella partecipazione. Inizio anticipato per aiutare commercianti”

0

Domani, sabato 3 gennaio, partiranno anche in Lombardia i saldi invernali, in anticipo rispetto al solito. E l’assessore regionale al Commercio e Turismo commenta la decisione. “Confido in una buona partecipazione sia sul fronte della domanda interna, sia per quella internazionale attratta dall’unicità dei prodotti Made in Italy e dalla qualità dei nostri commercianti” ha detto alla vigilia dei saldi.

“La decisione di anticipare eccezionalmente le vendite di fine stagione a domani – ha aggiunto – va incontro alle richieste delle associazioni di categoria e conferma la vicinanza e il nostro impegno a sostenere tutto il comparto al termine di un anno difficile contrassegnato dai contraccolpi negati che la contrazione dei consumi ha sul commercio e in particolare per i negozi di vicinato”.

L’assessore, come presidente della commissione regionale per la tutela dei consumatori, ha inoltre ribadito che “i saldi devono costituire una sana opportunità per il rilancio della domanda, senza che questo incida negativamente nel rapporto tra esercente e acquirente, che deve essere improntato al rispetto del quadro normativo attualmente in vigore”. Parolini ha infine ricordato le regole che disciplinano la materia, aggiungendosi all’Adiconsum Brescia che ha stilato un vademecum di consigli.

“I commercianti hanno l’obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l’indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso). I prodotti in saldo devono essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non è possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli. Se il prodotto risulta difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare. Tutte le normative sono pubblicate e consultabili sul sito della Regione Lombardia”.