MILANO – Saldi invernali, Mocera (Federconsumatori): “Si spende di meno per colpa di altri aumenti”

0

Alla vigilia dei saldi invernali che in Lombardia inizieranno domani, sabato 3 gennaio, con alcuni giorni di anticipo rispetto alla tradizione, dopo il commento dell’assessore regionale al Commercio Mauro Parolini che spera in una buona partecipazione, Federconsumatori Lombardia è più pessimista. “Anche quest’anno i saldi, al via ufficialmente il 3 gennaio, ma praticamente già presenti in alcuni negozi, con qualche sotterfugio, prima di Natale, segnano il passo”. Così commenta Gianmario Mocera, presidente dell’associazione dei consumatori.

“Non si tratta di stabilire se siano convenienti o no. Il vero problema è capire se si possa spendere oppure no, e in che misura. Dopo otto anni consecutivi di recessione, non solo il Paese, ma soprattutto gli italiani non hanno ancora tirato su la testa. I dati, apparentemente confortanti, della ripresa dei mutui (+31%) nascondono realmente la rinegoziazione degli stessi e i dati di previsione del 2015 ancora non sono pienamente positivi. Si spenderà oggettivamente di meno, in conseguenza di una diminuzione dei redditi e a fronte di una previsione complessiva di aumenti, già dichiarati, dai trasporti alle tariffe comunali, autostrade e assicurazioni, che segneranno una spesa maggiore, per l’anno in corso, attorno ai 700 euro in più mediamente, come da una nostra ricerca”.

E lancia alcuni suggerimenti, dopo quelli di Adiconsum Cisl di Brescia. “I saldi sono la merce della stagione appena finita, ovvero autunno e inverno 2014. Devono essere esposti in una parte della vetrina o nel negozio e non si devono confondere con il resto dei prodotti non in saldo. Diffidare dei negozi che espongono cartelli dove i saldi sono oltre il 30%. Le indicazioni di – 50% e – 70% nascondono molto spesso svendite di magazzino o merci che appartengono a collezioni vecchie o appositamente confezionate. Conservare lo scontrino e salvare il patto con il commerciante qualora il saldo sia un regalo che potrebbe non essere della misura giusta. I saldi possono essere cambiati solo se difettati”.