CEVO – Trova la casa “visitata” dai ladri e viene minacciato. Spavento per il presidente della Pro Loco

0

Nuovo furto in Valcamonica nei giorni scorsi in un’escalation che sembra non fermarsi mai. A farne le spese stavolta è stato Lorenzo Ramponi, molto conosciuto in zona per essere presidente della Pro Loco del paese. L’episodio, come riporta Bresciaoggi, è successo domenica sera quando l’uomo, dopo cena, è uscito di casa per scattare alcune foto ai presepi lungo il paese partecipanti a un concorso.

Ma quando è tornato si è accorto di qualcosa di strano. Ha raccontato di aver trovato il cane fuori casa nonostante l’avesse chiuso dentro e quando è salito nell’abitazione di via Marconi ha visto due persone nel chiaro del bagno. Ha cercato di rincorrerli, ma sono fuggiti e uno di loro gli si è avvicinato minacciandolo, con un italiano stentato, di “stare zitto, altrimenti…”. Poi è entrato in casa e ha trovato cassetti per terra, vestiti fuori dagli armadi, materassi rovesciati, un muro rotto per trovare la cassaforte e tolti i fiori dai vasi per cercare altri elementi di valore.

Sul bottino l’uomo ha confessato di non sapere l’importo, anche se sapeva che la cassaforte custodisse soldi e diversi oggetti di valore. Domenica sera ha così presentato la denuncia ai carabinieri. L’ennesima dopo che negli ultimi giorni, come rivela il quotidiano bresciano, sono stati presi di mira tre bar tra Cevo e Malonno e, nel secondo paese, hanno tentato di portare via la copertura in rame delle cappelle del cimitero.