BRESCIA – Contratto solidarietà Stefana, 700 dipendenti col fiato sospeso per il rinnovo

0

E’ una giornata di assemblee sindacali quella di oggi, lunedì 29 dicembre, nelle sedi dell’azienda siderurgica Stefana che conta 700 dipendenti tra gli stabilimenti di Nave nell’hinterland, Montirone nella bassa e Ospitaletto nel sebino. Tra pochi giorni, infatti, alla fine dell’anno scade il contratto di solidarietà che lega i lavoratori e sono in corso vari incontri per cercare di prolungarlo ed evitare di far passare ai dipendenti una fine dell’anno ancora più traumatica.

La preoccupazione maggiore si percepisce a Nave e Montirone dove non è stata ancora raggiunta un’intesa tra la proprietà e i sindacati. L’azienda, infatti, non ha ancora dato la disponibilità a integrare gli istituti previsti dal contratto e nemmeno gli anticipi delle quote Inps, come veniva fatto in passato. Si va verso un nuovo tavolo di confronto. Poco più di un mese fa l’azienda era stata coinvolta in una serie di proteste per la mancanza di gas, poi risolta qualche giorno dopo.